Questo sito utilizza i cookies per analizzare la navigazione dell'utente. Se continui a navigare o chiudi questa notizia, ne accetterai l'uso.

Progetto Life+ AGRICARE Innovative Green Farming

Attività

GLI SCENARI AGRICOLI

AGRICARE mette a confronto quattro diverse tecniche di coltivazione:
1) il sistema convenzionale;
2) la minima lavorazione;
3) lo strip tillage;
4) la semina diretta o su sodo.

La sperimentazione riguarda 16 appezzamenti (ciascuno di ettari 1,5 circa) del reparto 12 – per ubicazione vedi il seguente link – assoggettati all’avvicendamento frumento/colza/mais/soia.
La raccolta, in tutti gli appezzamenti, viene eseguita da mietitrebbie equipaggiate con sistemi di mappatura delle rese.

1 – LAVORAZIONE CONVENZIONALE (TESTIMONE)

Gli appezzamenti sono coltivati seguendo tecniche convenzionali, inclusa l’aratura, e non sono applicate tecniche di precisione. La densità di semina e l’uso di fertilizzanti non sono adattati alla variabilità del terreno. Le macchine impiegate sono: aratro, coltivatore, erpice rotante, seminatrice, irroratrice semovente.

2 – MINIMA LAVORAZIONE

La lavorazione del terreno viene eseguita senza che vi sia una completa inversione degli strati e a profondità inferiore a 20 cm. Le macchine impiegate sono: coltivatore, seminatrice combinata, irroratrice semovente. Tutte le macchine impiegate si avvalgono di sistemi di guida automatica e distribuzione variabile di seme e concime secondo mappe di prescrizione georeferenziate.

3 – STRIP TILLAGE

Questa tecnica prevede la coltivazione, senza inversione di strati, limitata alle fasce di semina della larghezza di circa 22 cm (strip). Le macchine impiegate sono: coltivatore strip tiller, seminatrice, irroratrice semovente. Tutte le macchine impiegate si avvalgono di sistemi di guida automatica e distribuzione variabile di seme e concime secondo mappe di prescrizione georeferenziate.

4 – SEMINA SU SODO

In questa tecnica, l’operazione fondamentale è la semina diretta. Le macchine impiegate sono: seminatrice da sodo, irroratrice semovente. La seminatrice da sodo è provvista di dispositivi per la distribuzione variabile del seme/concime e si avvale di sistemi di guida automatica, secondo mappe di prescrizione georeferenziate.

PRECISIONE AL CENTIMETRO

L’agricoltura di precisione consente di:
– Ottimizzare la resa dei mezzi agricoli impiegati riducendo sensibilmente sovrapposizioni e sprechi di carburante e tempo.
– Variare gli input (dosaggio di seme e di concime) a seconda della variabilità del terreno, seguendo mappe “di prescrizione”. In questo modo diventa possibile massimizzare le rese, secondo le diverse potenzialità degli appezzamenti, riducendo al massimo lo spreco di fattori di produzione (seme, fitofarmaci, fertilizzanti).

La variabilità viene studiata con specifiche tecniche e con analisi del terreno, nonché con la realizzazione di mappe di produzione che permettano, anno per anno, di valutare l’evoluzione della fertilità abbinata alle tecniche colturali adottate.